Le esperienze degli insegnanti della Muntenia meridionale (Romania) nell’adattamento della formazione online attraverso i nuovi strumenti MYSS.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email

Per quanto riguarda l’IO3, gli insegnanti coinvolti nel progetto della regione della Muntenia meridionale (che hanno contribuito alla compilazione del questionario MYSS), hanno mobilitato studenti e genitori, si sono adattati alle reali condizioni di crisi e hanno elaborato proposte costruttive di formazione interattiva a distanza. Il personale docente è stato coinvolto in varie attività di apprendimento, webinar, scambio di buone pratiche, studio di nuovi metodi operativi per l’apprendimento interattivo a distanza, sviluppo di nuove guide metodologiche. Per la maggior parte di loro, tuttavia, la scuola online, fin dall’inizio della pandemia, è stata un momento difficile, che ha causato tensioni e frustrazioni, manifestatesi inaspettatamente. Molti erano impreparati alla gestione della crisi, avevano poche risorse e strumenti digitali per adattarsi all’istruzione online. Gli insegnanti hanno fatto un doppio sforzo per studiare e utilizzare le nuove tecnologie di apprendimento online.

La loro preparazione è stata molto più complessa rispetto all’istruzione tradizionale. Hanno dovuto preparare diversi materiali visivi (video, PPT, ecc.) per facilitare l’apprendimento online. Inoltre, la maggior parte degli intervistati ha affermato che nell’apprendimento a distanza si ottengono risultati migliori se le attività vengono svolte in piccoli gruppi (4-15 persone) e risulta molto più difficile in gruppi più numerosi (oltre 15-20 persone). Gli insegnanti hanno sottolineato che nel processo di organizzazione della formazione a distanza si sono gradualmente adattati alle condizioni specifiche create dalla crisi. Hanno detto di aver imparato a comunicare in modo più efficace e a relazionarsi meglio con gli studenti, coltivando la fiducia reciproca, ottenendo anche una maggiore sicurezza in se stessi.

Una volta tornati a scuola, gli insegnanti hanno iniziato a contribuire alla modernizzazione del processo di apprendimento: la maggior parte degli insegnanti pone maggiore enfasi sullo sviluppo delle competenze degli studenti e si concentra meno sull’assimilazione dei contenuti; amplia lo spettro delle attività, principalmente di natura interattiva; utilizza vari strumenti digitali; sostituisce la lavagna tradizionale con quella interattiva; sviluppa e risolve i problemi con l’aiuto di un computer e di alcune applicazioni, amplia la comunicazione con genitori e studenti, ecc.

Gli insegnanti hanno parlato inoltre della propria comunicazione con gli studenti, che all’inizio avveniva tramite e-mail e telefono, gruppi Messenger e chat, creati anche prima della crisi. Con lo sviluppo degli strumenti di apprendimento a distanza (come i moduli e la piattaforma online MYSS), gli strumenti classici sono stati superati dalle piattaforme online Zoom, Google Classroom, Moodle. Di conseguenza, è stato possibile capitalizzare meglio l’intelligenza dei bambini e sviluppare le loro competenze.

Anche i genitori hanno contribuito a sostenere i propri figli, ma spesso hanno avanzato richieste infondate agli insegnanti, convincendosi gradualmente che il proprio figlio avesse bisogno di maggiore attenzione e di spiegazioni aggiuntive. Hanno compreso meglio il ruolo dell’insegnante nell’organizzazione del processo di apprendimento sia tradizionale che a distanza.

Newsletter.

Comunicati stampa.

Download.